Vi presento la Cinciallegra

cinciallegra

Questo è un anno davvero molto strano. Anno bisesto, anno senza sesto, si dice, no? Eppure io dovrei esserci abituata, sono nata di anno bisestile quindi dovrei sentimi a mio agio nelle inconsuetudini. Eppure tutta questa inverosimile situazione è troppa anche per me.

Questa Pasqua ci ha caricati di tanto tempo. È come vivere un vuoto temporale dove ogni riferimento è momentaneamente sospeso. Una moviola che rallenta ogni gesto permettendoci di guardare e vedere finalmente quei particolari che vengono inghiottiti dalla fuga di una quotidianità sbagliata. Con questo virus la natura ci ha tolti dal “solito” e ci ha costretti a guardarla.

Alla fine chi può davvero dire di essersi annoiato in questo periodo di fermo forzato? Forse i poveri di spirito, gli aridi di cuore. Ma chi un’anima ce l’ha ha potuto guardare il mondo con una nuova e consapevole lucidità. Sapevate che gli uccellini cominciano a cinguettare quando ancora fa buio? E che i prati di primo mattino esalano profumi buonissimi? Io non me lo ricordavo più. Non mi ricordavo più la sensazione che si prova nello stare dentro i momenti.

Quando si vive proiettati nel momento successivo si sopprimono i sensi. Se il corpo è sempre un passo indietro rispetto alla mente come si fa ad ascoltare, assaporare, godere di quel che siamo quando lo siamo? Carpe diem è solo una bella locuzione che spesso evochiamo, ma che poco pratichiamo.

Monica

Un pensiero su “Vi presento la Cinciallegra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...